Rassegna della Stampa Russa - 25.05.2018

 

 

Eventi, problematiche e dati statistici generali 

•   Martedì 22 maggio la GosDuma (la Camera bassa dell’Assemblea Federale) ha approvato in terza e definitiva lettura, con 416 voti favorevoli e uno contrario, la legge sulle modalità di adozione delle controsanzioni, ovvero delle varie misure di carattere economico che il governo russo, su decisione del Capo dello Stato, potrà intraprendere come risposta alle sanzioni e alle azioni ostili degli USA e di alcuni altri Paesi occidentali. La legge, a parere di molti specialisti e parlamentari, “ha ampliato i poteri del Presidente e del governo per prendere delle decisioni finalizzate a difendere il Paese, la sua sicurezza e integrità territoriale, e i diritti e le libertà dei cittadini”.
 
  Su proposta dell’Unione degli industriali e degli imprenditori russi” (la RSPP in russo) e di alcuni giuristi la seconda lettura del disegno di legge, relativo alla responsabilità penale dei singoli imprenditori per il compimento delle sanzioni contro la FR, è stata rinviata per assicurarne una discussione più approfondita. Secondo il presidente della RSPP Aleksandr Shokin, questo ddl sarà ultimato da un gruppo di lavoro e concordato con il CdM entro una o due settimane – (Rossijskaja gazeta (RG), pag. 3 – link, Metro, pag.5, del 23.05; RG, pag.2, e Kommersant (Kom-t), p.3, del 24 maggio; Profil № 19 del 21.05, pp.7-11). Lo stesso martedi 22.05 la GosDuma ha eletto, Aleksej Kudrin, ex ministro delle Finanze, a presidente della Corte federale dei Conti. Kudrin ha ricevuto 264 voti favorevoli su 342 votanti. Nel 2013 Tat’jana Golikova, precedente presidente della Corte e vicepremier nell’attuale governo, è stata eletta con 431 voti favorevoli su 450 deputati della Camera bassa – (RG, pag.1-2, e Kom-t, pag.3, del 23 maggio).
 
•   Negli ultimi giorni tutti i quotidiani russi hanno messo in risalto il principale tema del XXII Forum Economico per gli investimenti di San Pietroburgo (24-26 maggio): la creazione di un’economia della fiducia. La discussione e le proposte per le soluzioni future alle numerose problematiche, legate a questo ambizioso obiettivo internazionale e a una svolta economica in Russia, interessano la società e l’imprenditoria non solamente in Russia, ma anche in molti altri Paesi. Per questo motivo al Forum stanno partecipando circa 15 mila persone, mille in più rispetto allo scorso anno. Saranno presentate in totale oltre 1.500 società e imprese russe e straniere di 71 Paesi. Tra gli ospiti d’onore figurano il presidente francese Macron e il premier giapponese Abe. Il Presidente Putin ha partecipato con loro all’evento chiave del Forum (25.05), ovvero alla seduta plenaria con 3.500 politici, industriali, imprenditori e operatori di molti mercati. Nell’illustrare gli obiettivi economici e sociali del nuovo governo russo per i prossimi 6 anni, Vladimir Putin ha sottolineato il potenziale e il ruolo della cooperazione economica internazionale. Ieri (24.05) il Presidente russo ha avuto una serie di incontri importanti: con il vicepresidente della Repubblica Popolare cinese, con la direttrice del Fondo Monetario Internazionale Christine Lagarde, ecc. Si sono, inoltre, svolte le trattative con il suo omologo francese. Durante la conferenza stampa i due leader hanno rilevato, attraverso un dialogo di carattere aperto, l’intenzione di “lavorare insieme per risolvere i vari problemi internazionali e per contribuire allo sviluppo delle relazioni fra gli Stati occidentali e la Russia”. Emmanuel Macron ha espresso la volontà degli imprenditori francesi di partecipare alla diversificazione dell’economia russa.
 
  A questo punto segnalo l’approfondita intervista rilasciata in occasione del Forum di San-Pietroburgo dall’Ambasciatore tedesco: Rüdiger von Frisch ha ribadito l’alto interesse degli imprenditori tedeschi per un ulteriore sviluppo dei mercati russi. A suo parere, “la reciproca fiducia è un’importante risorsa per le relazioni economiche e commerciali”. L’ambasciatore ha informato che quest’anno il business tedesco investirà in Russia 500 mln di euro e manterrà le prime posizioni nel localizzare la produzione nella Federazione Russa – (i giornali del 24 maggio RG, pag.3, e il suo supplemento di 12 pagine sulla collaborazione con la Germania, Kom-t, pag.1 e 6, Vedomosti, pag.6, il settimanale Kommersant Den’ghi № 21, pp.46-47; i quotidiani di oggi 25 maggio RG, pag.1-2, Kom-t, pp.1 e 4, RBK, pag.1 e 3 e il supplemento di 16 pagine che presenta il quadro generale dell’economia russa, Vedomosti, Izvestia, Metro, ecc.)
 
•   Mercoledì 23.05 il Presidente Putin ha avuto un colloquio con Boris Titov, difensore civico degli imprenditori russi e di quelli stranieri operanti in Russia. Titov ha presentato al Capo dello Stato una relazione annuale sui principali problemi dell’imprenditoria russa. Ha evidenziato alcuni cambiamenti positivi del clima d’affari in Russia (la diminuzione del livello della corruzione nelle strutture amministrative, la maggiore trasparenza delle procedure ufficiali, ecc.), ma ha notato che “la difesa degli interessi del business è ancora complessa”. Boris Titov ha illustrato alcune delle numerose innovazioni e proposte concrete degli imprenditori mirate a ridurre il numero di varie verifiche e di controlli dell’attività imprenditoriale – (RG del 21.05, pag.3: intervista di Titov link; Kom-t, pag.2, e Vedomosti pag.2, del 22.05; RG del 24.05, pag.2).
 
  Quest’anno il Festival del libro sulla Piazza Rossa si terrà dal 31 maggio al 3 giugno e sarà dedicato, in particolare, ai giubilei dei famosi scrittori Maxim Gorky, Ivan Turghenev e Aleksandr Solzhenitsyn – (Mosca Sera, Metro e gli altri quotidiani).  
 

Economia 

* Situazione generale: 

  Durante la prima giornata del Forum di San Pietroburgo il nuovo governo russo ha presentano ai convenuti il piano d’azione del CdM per quest’anno. Il documento prevede la creazione di un Fondo degli investimenti per le infrastrutture, un lieve aumento del debito pubblico, la conclusione della riforma pensionistica, la soluzione del problema dei “debiti insoluti”, la trasformazione della corporazione finanziaria VEB (Vnesheconombank), ecc. Il primo vicepremier e ministro delle Finanze Anton Siluanov ha dicharato che “le imposte e le tasse non saranno modificate fino al 2024”. Alcuni vicepremier hanno messo in evidenza le loro posizioni riguardo i problemi di loro competenza – (RG, pag.3, Kommersant, pag.1-2: link, RBK, pag.3, Vedomosti e alcuni altri quotidiani di oggi 25 maggio).
 
  Molti giornali hanno rivelato inoltre che il nuovo governo ha cominciato a realizzare il Decreto presidenziale del 7 maggio “Sugli obiettivi nazionali e sui compiti strategici di sviluppo della Federazione Russa nel periodo fino al 2014”. Tutti i ministri hanno ricevuto i relativi incarichi del premier Medvedev. Ad esempio, entro la fine di giugno il Ministero delle Finanze e quello dello Sviluppo Economico dovranno trovare fonti di finanziamento per un totale di 8.000 mld di rubli (circa 110 mld di euro) per realizzare vari provvedimenti e misure della fase iniziale del nuovo piano di sviluppo. Allo stesso tempo alcuni quotidiani hanno evidenziato che i decreti emanati da Putin a maggio del 2012 sono stati realizzati al 94%. In particolare, la produttività del lavoro è aumentata in media dell’1% annuo e non del 6%. A parere di molti economisti ed analisti, per aumentare i ritmi di crescita dell’economia è necessario prima di tutto elevare la produttività e gli investimenti privati – (RG del 15.05, pag.11; Vedomosti del 22.05, pag.7, e del 24.05, pag.1 e 4: link, Kom-t, pag.2, del 24.05, ecc).
 
  Durante la sua prima seduta, il rinnovato governo (22.05) ha preso in esame la bozza delle modifiche da apportare alla legge “Sul Bilancio federale del 2018 e per gli anni 2019-2020”. I ministri hanno accertato che quest’anno il Bilancio potrebbe risultare in attivo. Questo avverrà in seguito alle tendenze positive del mercato, cioè grazie all’aumento dei redditi provenienti dall’industria degli idrocarburi. In questo caso secondo il CdM le entrate aumenterebbero di circa 1.800 mld di rubli. Il premier Medvedev ha rilevato anche l’incremento più rapido dei redditi provenienti dalle esportazioni. Allo stesso tempo alcuni economisti hanno avvertito che “l’ulteriore rincaro del petrolio non aiuterà subito ad accelerare la crescita economica in Russia; d’altro canto, una drastica diminuzione delle quotazioni del petrolio potrebbe provocare un crollo economico”. Negli ultimi giorni il CdM è stato costretto a diminuire l’accisa sulla benzina dal prossimo primo luglio al fine di fermare il rapido aumento dei prezzi dei combustibili. Questa misura del governo potrebbe costare circa 100 mld di rubli, ma “ciò è niente rispetto ai redditi aggiuntivi di 1.700-1.800 mld di rubli” – (Izvestia, pag.2, RG, pag.3, Nezavisimaja gazeta, pag.1 e 4, Kom-t, p.1 e 9, ed altri quotidiani del 23 maggio; nonché RG, pag. 1 e 5, del 24.05).
 
  Agli analisti dell’economia russa segnalo inoltre: un supplemento di 12 pag. “L’economia russa” a Vedomosti del 24.05, in cui si tratta della situazione dell’industria metallurgica, delle professioni più richieste (autisti, commesse, ecc.), degli investimenti nel “capitale umano”, nonché delle “città trasformate in vista dei prossimi mondiali di calcio”; -un commento del quotidiano del governo RG (22.05, pag.3: link) relativo ad alcuni aspetti, problemi e fattori della sicurezza finanziaria del Paese; -un ampio sunto della relazione dei sociologi dell’Accademia delle scienze russa relativa alla situazione della società russa dopo le elezioni presidenziali del 18 marzo. Gli specialisti hanno messo in evidenza la richiesta sempre più evidente delle trasformazioni sociali, la preoccupazione per il peggioramento di alcuni ambiti sociali e della situazione finanziaria di una notevole parte della popolazione. Attualmente le prospettive sono ancora incerte, perciò “i cittadini aspettano il futuro con speranza, ma anche con ansia” – (RG dell’11.05, p.4; Nezavisimaja gazeta, pag.4, e Kommersant, pag.2 e 4, del 23 maggio).  
 

* Settori e mercati: 

  La rassegna delle pubblicazioni settoriali comincia da 2 supplementi che offrono agli analisti e ai lettori un quadro approfondito della situazione del settore descritto. Prima di tutto è il supplemento di 16 pagine “Futuro digitale” di Kommersant del 23 maggio (vedi inoltre un servizio dello stesso Kom-t del 22.05, pag.8, sulla costruzione delle reti telefoniche della quinta generazione negli anni 2020-2027 per le quali bisognera stanziare i 400-610 mld di rubli). Expert (№ 21 del 21.05, pp.97-108: link) ha pubblicato l’inserto “L’industria del carbone” dal quale si viene a sapere come l’aumento delle esportazioni di carbone abbia contribuito alla considerevole ripresa dell’industria (sullo stesso tema è intervenuto RBK del 25.05 nel supplemento dedicato al Forum di San Pietroburgo, pag.10).
 
  Agli esperti dei settori del trasporto segnalo un sunto della relazione sullo stato attuale del sistema integrato dei trasporti in Russia. Purtroppo, secondo gli esperti del “Forum economico mondiale”, attualmente la Russia occupa il 64o posto tra 144 Paesi per la qualità delle infrastrutture di trasporto e il 123o posto per la qualità delle autostrade). Kommersant del 23.05, (pag.2 – Monitoraggio: link, e pag.7) ha pubblicato inoltre un servizio sulla necessità di aumentare considerevolmente il parco vagoni per il trasporto dei cereali, però per raggiungere l’obiettivo entro il 2024 bisognerà spendere 150-160 mld di rubli. Oggi 25.05 RG (pag.4) ha riferito sull’inizio della Fiera internazionale HeliRussia 2018 (24-26.05) nel centro espositivo “Crocus” e Kommersant (pag.7) ha riportato le cifre sull’aumento del costo della costruzione della ferrovia ad alta velocità Mosca- Kazan’ che ammonta ad un terzo del totale; è stato raggiunto il record di circa 1.700 mld di rubli.
 
  Nezavisimaja gazeta del 23 maggio (v.l’inserto “Nauka” (Scienza), pag.9 e 11) ha evidenziato che nei primi 5 mesi di quest’anno il Presidente Putin ha prestato molta attenzione ai contatti con la comunità scientifica. Non è casuale, poiché - ha notato giustamente il giornale - gli cienziati avranno un ruolo importante nella realizzazione della svolta nello sviluppo del Paese annunciata dal Capo dello Stato. Il presidente dell’Accademia delle Scienze Aleksandr Sergheev ha partecipato ad una riunione a Simferepoli (capitale della Repubblica della Crimea), i cui partecipanti hanno discusso il progetto dello sviluppo scientifico e tecnico della penisola che sarà presentato al Capo dello Stato – (Kom-t del 23.05, pag.1 e 5: link). Infine segnalo un servizio di Expert (№ 21 del 21.05, pp.36-38) che ha descritto l’innovazione tecnica di 2 scienziati russi che hanno creato un sistema originale di avviso delle perdite d’acqua.
 
  Nuovi concetti architettonici per gli spazi urbani; nuove tecnologie nell’edilizia e nel settore delle costruzioni; lo sviluppo integrato dei territori; aumento dei contratti di locazione a Mosca e, prima di tutto, a San Pietroburgo; la sicurezza nella progettazione dei grandi centri commerciali e d’intrattenimento – questi sono soltanto alcuni problemi dell’edilizia e del mercato immobiliare descritti ultimamente da Kommersant (i supplementi tematici di 16 pag. del 18 e del 25 maggio: link, e il supplemento “Casa”, pag.13-18, diffuso in allegato all’edizione del 23.05) e da Vedomosti del 22 maggio (pag.1-8). RG (23.05, p.5) ha messo in evidenza un aumento del numero delle case non ultimate dopo la scadenza del termine previsto di costruzione: in diverse regioni sono 842.
 
  Expert (№ 20 del 14.05, pp.66-69) e RG (23.05, pag.12 – link) hanno appoggiato le varie iniziative delle organizzazioni sociali e scientifiche che insistono sulla soluzione dei problemi riguardanti l’ecologia e sullo sviluppo del turismo ecologico.  
 

Finanza, dogana, fisco, leggi, settore assicurativo 

•   Kommersant di oggi (25.05, pag.1 e 9) ha riferito da San Pietroburgo di un affare molto importante con la partecipazione di un investitore straniero nel settore energetico e dei combustibili, conclusosi malgrado le numerose sanzioni americane ed europee imposte a Mosca. Il gruppo francese Total, usufruendo dei propri diritti di partner strategico, è entrato nel nuovo progetto della società russa privata NOVATEC “Artik SPG” relativo alla produzione di gas liquefatto. La compagnia francese sta per acquistare il 10% delle azioni per $2,55 mld; inoltre avrà il diritto di aumentare ulteriormente la propria quota azionaria fino al 15%. Una stima elevata del costo del progetto – hanno rivelato gli specialisti – “consentirà alla società russa di conservare la sua percentuale pari al 60% delle azioni, di ricevere circa $10 mld dai futuri azionisti minoritari e di coprire le spese generali del progetto per un totale di circa $20 mld”.
 
  In occasione del Forum internazionale per gli investimenti di San Pietroburgo la stampa russa negli ultimi giorni ha prestato grande attenzione al problema degli investimenti nell’economia russa. Vedomosti e RG di giovedì 24 maggio hanno diffuso in allegato gli ampi supplementi, rispettivamente di 16 e di 28 pagine, dedicati alle diverse problematiche del settore finanziario e del mercato bancario, legate alla necessità di aumentare gli investimenti. Negli ultimi 6 anni il volume degli investimenti è rimasto al livello del 21% del PIL, nonostante il piano di incrementarli fino al 25% del PIL nel 2015 e al 27% del PIL nel 2017.
 
  Kommersant ha analizzato le suddette problematiche nel supplemento bilingue (in russo e in inglese) “La svolta d’investimento” (pag.1-16: link). Molti servizi, commenti e interviste di questa pubblicazione trattano l’attività e i problemi del Fondo russo degli investimenti diretti istituito 6 anni fa. Negli ultimi giorni questo fondo, insieme ad alcuni fondi d’investimento arabi, si è appropriato del 5% delle azioni di Aeroflot, costate circa 10 mld di rubli. Intervistato da Vedomosti (24.05, pag.8-9: link, e pag.13) il direttore generale Kirill Dmitriev (43 anni) ha illustrato con dovizia di particolari finanziari l’operato del Fondo. Ha ribadito che gli investitori stranieri possono lavorare tranquillamente in Russia e che “il dialogo tra i businessman aiuterà a superare le divergenze anche con gli USA”. Kommersant (24.05, p.2) ha riferito che “gli investimenti nell’economia russa, diminuiti a marzo, non sono cresciuti nemmeno nel mese di aprile.
 
•   Negli ultimi giorni la stampa ha trattato inoltre i seguenti argomenti:
- la Russia sarebbe disposta ad aumentare la percentuale dei calcoli in euro durante la regolamentazione dei conti degli affari commerciali e ad ampliare l’uso delle infrastrutture finanziarie europee, qualora l’Unione Europea avesse preso una posizione più netta contro l’ulteriore allargamento delle sanzioni politiche ed economiche decise dalle autorità degli USA. È ciò che ha dichiarato il primo vicepremier Siluanov a San Pietroburgo – (RG di oggi 25.05, p.5);
- la situazione attuale dei mercati russi dell’auditing e del consulting – (il supplemento tematico di 6 pagine a Kommersant del 22.05 e una breve rassegna di RG del 23.05, pag.14);
- l’uso di tecnologie finanziarie più moderne nella “Tinkoff Bank” – (il settimanale Kommersant Den’ghi № 21 del 24.05, pp.28-29);
- la partecipazione degli abitanti della Regione di Mosca alla formazione e alla gestione del Bilancio regionale – (RG del 23.05, pag.10: l’intervista a Igor Brynzalov, presidente della Duma (parlamento locale) regionale – link).  
 
 
 Cari lettori, grazie per l'attenzione. 

Cordiali saluti.
A cura di Valerij Shvetsov
in collaborazione con Anita Mengon
e-mail: valerio.m@yandex.ru
Telefono - cell: +7 (916) 531-04-45