Rassegna della "stampa russa" - 11 luglio 2014

Eventi, problematiche e dati statistici generali 

 
*  “Italia e Russia insistono molto sulla necessita` di arrivare ad un immediato “cessate il fuoco” senza condizioni in Ucraina” – cosi` ha dichiarato il ministro degli Affari Esteri Federica Mogherini durante la conferenza stampa congiunta con il collega russo, Serghej Lavrov, svoltasi dopo le trattative del 9 luglio a Mosca. La titolare della Farnesina ha apprezzato “la disponibilita` manifestata dalla Russia all’incontro di Berlino di lavorare all’ipotesi del controllo delle frontiere russo-ucraine tramite osservatori dell’OCSE, un’ipotesi, che potrebbe essere utile e molto interessante in caso di un “cessate il fuoco””. Serghej Lavrov ha condiviso questa opinione e ha ringraziato l’Italia, l’attuale presidente dell’Unione Europea, “per l’appoggio agli sforzi finalizzati a stabilizzare la crisi in Ucraina”. A suo parere, solo un armistizio potrebbe consentire di passare a un dialogo, che potra` risolvere tutti i problemi politici dell’Ucraina. Il ministro russo ha comunicato che Mosca e` pronta a discutere con gli investitori stranieri dei loro interessi economici in Crimea. Allo stesso tempo ha avvertito coloro che minacciano di usare la forza contro questa Repubblica. Nel corso delle trattative bilaterali Mogherini e Lavrov hanno discusso la situazione sempre piu` complicata per colpa dei funzionari dell’UE, riguardo la costruzione del gasdotto “South Stream”.  Nello stesso giorno il ministro Mogherini e` stato ricevuto dal Presidente della Federazione Russa. Nel corso del colloquio Vladimir Putin ha espresso la speranza che durante la presidenza italiana dell’UE la qualita` delle relazioni russo-europee migliori e il loro livello diventi piu` vicino a quello dei buoni rapporti, instauratisi da molti decenni tra Russia e Italia. L’onorevole Mogerini ha ringraziato Putin in russo per l’opportunita` di un colloquio al Cremlino, tanto piu` che l’incarico di Presidente non prevede incontri con i ministri degli Esteri. Inoltre ha trasmesso a Vladimir Putin i saluti delle massime autorita` italiane e lo ha invitato a venire a Milano in ottobre del Forum internazionale “Europa-Asia” - (“Rossijskaja gazeta” (“RG”), pag.2 e 4- http://www.rg.ru/2014/07/10/lavrov.html, e le agenzie d’informazione del 10.07). 
 
*  Dai dati dei recenti sondaggi dell’opinione pubblica, effettuati dai sociologi del “Centro Levada” e “VTsIOM”, si deduce che: il 66% degli intervistati e` contro un’invasione delle truppe russe nel territorio ucraino (il 33 escludono questa possibilita` in modo categorico); che adesso il 30-35% dei russi e` convinto che le sanzioni occidentali nei confronti della FR siano dirette contro la popolazione e contro gli interessi della gente (a maggio tale opinione e` stata sostenuta dal 24-27% dei partecipanti alle indagini sociologiche). Allo stesso tempo quasi il 50% dei russi non appoggia il divieto dell’importazione di prodotti e merci ucraine in Russia - (“Nezavisimaja gazeta” del 9 luglio, pag.1 e 3). 
 
*  Mercoledi` (9.VII) anche il Consiglio della Federazione (la Camera alta del Parlamento) ha terminato la sua sessione primaverile. E` iniziata il 29 gennaio ed e` durata 161 giorni. In questo periodo i “senatori” hanno partecipato a 15 sedute (in totale 56 ore e 24 minuti; in media 3 ore 45 minuti) e hanno approvato 390 leggi, delibere, dichiarazioni, ecc. Di questi 314 documenti (piu` del 80% del totale; nel 2013 il 67%) sono stati approvati all’unanimita`; sono state respinte soltanto quattro leggi. All’ultima e piu` affollata seduta del 9 luglio ha partecipato il 92% dei membri del Consiglio della Federazione, composto attualmente da 170 persone. Sono stati presi in esame 95 documenti: in particolare i “senatori” hanno approvato il passaggio dal prossimo 26 ottobre all’”ora solare” (“invernale” in russo) fissa, il che servira` anche per diminuire il distacco temporale dai Paesi d’Europa a due ore e addirittura a solo un’ora durante il periodo dell’”ora legale” - (“Kommersant”, pag. 2, e “RG”, pag.3, del 10 luglio). 
 
Economia, settori e mercati, grandi aziende e PMI 
 
*  L’ aumento del PIL nel primo semestre all’1,1% (nel primo trimestre +0,9%) su base annua, l’aumento dell’attivo del Bilancio federale dello stesso periodo all’1,9% del PIL; il deflusso di capitali nei primi 6 mesi superiore a quello dell’intero anno 2013 ($74,6 mld. contro $59,7 miliardi); il saldo positivo del commercio estero che e` aumentato nello stesso periodo del 15,1%, a $105,2 mld, sui primi 6 mesi del 2013; la diminuzione dell’utile del sistema bancario dell’8,1%, a 451 miliardi di rubli, rispetto a quello dello stesso periodo dell’anno scorso; l’inflazione che dovrebbe scendere al 4-5% solo tra due anni – questi sono alcuni degli indici aggiornati dell’attuale situazione 
economica contradditoria in Russia (vedi “RG” dell’8.07, pag.2; “Vedomosti” del 10.07, pag.5 e 15, “Kommersant” di oggi 11 luglio, pag.2, ecc). Allo stesso tempo i diversi dati statistici consentono al governo di migliorare le previsioni macroeconomiche per il 2014: la produzione industriale e il PIL aumenteranno un pochino di piu`, rispetto alle previsioni fatte a maggio. Pero`, i dati della Banca centrale sulla bilancia di pagamento del primo semestre (l’import e` diminuito a 152,6 mld.di USD contro $161 mld. di un anno fa) confermano – secondo gli specialisti - che “i principali problemi dell’economia sorgeranno durante l’autunno e l’inverno” (“Kommersant” del 10.07, pag.2). 
Nel frattempo il Ministero delle Finanze e la Banca centrale hanno reso note diverse valutazioni circa le conseguenze economiche delle sanzioni occidentali. Il Dicastero prevede una diminuzione delle entrate provenienti dalle esportazioni e un calo dei pagamenti bancari. Invece il principale istituto finanziario del Paese sostiene, che “anche un’ escalation della crisi ucraina non minaccia la stabilita` del nostro sistema finanziario, poiche` adesso la percentuale dei debiti e degli attivi ucraini accumulati dalle banche russe e` veramente bassa” . Ad ogni modo i vari giornali hanno citato il viceministro delle Finanze Serghej Storciak, che ha previsto che nel caso della realizzazione di alcune sanzioni settoriali, “bisognera` studiare misure piu` serie per contrastare i vari effetti negativi per l’economia nazionale”.  
 
Nella terza parte del lungo articolo scritto per “Kommersant” (7.07, pag.6 – http://www.kommersant.ru/doc/2453979; le prime due parti sono state pubblicate nelle edizioni del 17 aprile e del 22 maggio) Mikhail Prokhorov, ex-leader del partito “Piattaforma civile” e miliardario, ha diffusamente esposto i principi della politica sociale, senza la realizzazione dei quali, a suo parere, “una ripresa economica e` impossibile”. 
 
*  “Vedomosti” (8.07; pag.4) ha evidenziato che il governo e` disposto a stanziare nei prossimi 3 anni meno di 20 miliardi di rubli (circa 435 mln. di euro al cambio attuale) per la concessione dei crediti a vari comparti industriali, che realizzeranno i progetti, atti a sostituire prodotti e merci importati e ad elevare la competitivita` delle produzioni. 
 Da alcune altre pubblicazioni dedicate all’industria (tra gennaio e aprile la produzione industriale e` aumentata in media dell’1,7% e a maggio – del 2,8%) si viene a sapere: delle interessanti tecnologie e innovazioni per i diversi settori industriali, dimostrate in questi giorni all’esposizione internazionale “Innoprom” di Ekaterinburg (“RG”; 10.07, pag.1 e 3 – il servizio include l’intervista a Gheorghij Kalamanov, viceministro dell’Industria e del Commercio); delle varie strategie dello sviluppo delle costruzioni di macchine utensili, mirate a cambiare radicalmente, insieme a partner stranieri, l’attuale stato di questo mercato, il 90% del quale adesso e` costituito da prodotti importati (“Ekspert” № 28 del 7.07, pag.34-37); dei notevoli cambiamenti avvenuti durante gli ultimi anni nello “Stabilimento di ingegneria meccanica Rjabikov” di Tula, che celebra il 75-mo anniversario della fondazione (“RG”; 8.07, p.6); delle notevoli prospettive del settore ferroviario, delineatesi dopo la decisione delle autorita` federali di costruire un “raddoppio” della storica ferrovia BAM (Bajkalo-Amurskaja) e di modernizzare la famosissima “Transiberiana”. Per due “grandi opere” dal “Fondo del benessere nazionale” saranno stanziati 150 mld. di rubli (“Kommersant”, pag.1 e 3, e “RG”, pag.2. del 9.07).
 
Nel descrivere lo stato del mercato dell’auto i giornali hanno constatato che nel primo semestre le vendite delle nuove automobili e di LCV sono calate del 7,6% su base annua, e hanno previsto che quest’anno la produzione di veicoli diminuira` del 12%, rispetto al 2013, a 2,45 milioni di unita` (“RBK daily”, pag.6 -http://www.rbcdaily.ru/industry/562949991860441 e “Kommersant”, pag.1 e 9, del 9 luglio). A questo punto ricordiamo che negli anni 2012- 2013 la Russia occupava la posizione del secondo mercato d’Europa per la crescita delle vendite. Non pochi esperti allora hanno fatto previsioni che entro il 2016 il Paese superera` i concorrenti piu` vicini e si piazzera` al primo posto. Ora invece il mercato russo e` gia` il terzo: a maggio in Germania sono state vendute 275.000 auto, in Gran Bretagna – 194mila e in Russia – “solo” 190.000 autovetture (il mensile “Business magazine” № 7, di luglio, pag.4; www.b-mag.ru). 
Nell’edizione del 6 luglio “Vedomosti” (pag.13) ha riferito che il primo modello dell’auto “Datsun” (con la stessa piattaforma che e`usata anche per le auto “Lada Kalina/Granta”), la cui produzione in serie comincera` a partire del prossimo 14 luglio, costera` solo 329mila rubli (un po` piu` di 7mila euro), cioe` avra` un prezzo inferiore rispetto a quello della “Lada”. E` “Vedomosti” di oggi (11.07, pag.12) a rivelare che il gruppo “AvtoVAZ” intende diminuire di un terzo il totale della componentistica importata necessaria per la produzione delle auto “Lada”. Entro la fine di questo anno il livello della localizzazione della produzione deve aumentare dall’84% attuale all’89%. 
 
*  Giovedi` (10.07) il Consiglio dei Ministri ha esaminato lo stato delle risorse di materie prime e di minerali (la principale fonte delle entrate all’erario) e il ruolo della prospezione geologica. E` stato deciso di stanziare per l’ottimizzazione della prospezione e per lo sfruttamento dei giacimenti non meno di 320 miliardi di rubli (circa 7 mld.di euro) entro il 2020 (“RG” dell’11.07, pag.3; vedi inoltre “Izvestia” del 9.07, pag.1-2, che ha descritto l’attivita` della holding statale geologica “Rosgeologhia” e le sue prospettive: una maggiore competitivita` alle societa` estere, ecc). 
 
*  L’anno scorso l’industria aeronautica russa ha prodotto 32 velivoli civili. Secondo i dati aggiornati, il portafoglio di ordini per il “Sukhoj SuperJet 100” e` aumentato fino a 180 aerei (al 31.03 il portafoglio della societa` brasiliana “Embraer” contava 1.467 ordinazioni), diverse compagnie russe hanno in esercizio 35 “SSJ” (“Kommersant”; 10.07, pag.9). “Ekspert” (№ 28, pag.27) ha illustrato il progetto relativo alla costruzione di un nuovo aeroporto nella citta` Zhukovskij (Regione di Mosca) e “RG” (9.07, pag.5) ha messo in risalto che l’”Aeroflot” e` entrato nella “TOP-10” delle compagnie aeree per i loro risultati finanziari ed economici. 
 
*  Le forniture alla Russia del latte prodotto all’estero continuano ad aumentare a ritmi rapidi – lo ha rivelato tra l’altro “RG” (8.07, pag.4) in un suo ampio servizio, in cui si parla inoltre della produzione di formaggi. E` molto interessante la rassegna del settimanale “Kompanija” (№ 26 del 7.07, pag.44-47), dedicata all’attivita` delle fattorie famigliari produttrici di latte e al consumo del latte e dei latticini nella Regione di Mosca. 
 
*  Il pricipale tema del supplemento “Casa” di 4 pag. a “Kommersant” del 10 luglio e` il rifacimento delle strade nel centro storico di Mosca. Sugli altri giornali di questi giorni si e` letto che: a San Pietroburgo viene ultimato il nuovo porto commerciale “Bronca”, che contribuira` a creare una delle infrastrutture portuali piu` avanzate nel Mar Baltico (“RG”; 10.07, pag.5: link: http://www.rg.ru/2014/07/10/most.html); la catena “Rete di farmacie 36,6” (737 farmacie in 24 regioni e 90 citta` russe alla fine del primo semestre dello scorso anno) intende vendere la maggior parte dei punti vendita in diverse regioni e concentrare la sua attivita` a Mosca e nella regione confinante, nonche` in alcune citta` antiche, che fanno parte dell’itinerario turistico “Anello d’oro” (“Vedomosti” del 10.07, pag.19); nel 2011 in Russia sono state effettuate 104.200 operazioni di chirurgia plastica: l’undicesimo posto al mondo (“Business magazine” № 7, di luglio, pag.30-33); la BERS (Banca europea per lo sviluppo e la ricostruzione) ha investito $7 milioni ed e` diventata un’azionista dell’agenzia turistica on-line “Travelata.ru” (“Kommersant” del 9.07, pag.10); stando ai risultati del primo semestre, la percentuale dei film girati dai registi russi nel totale degli introiti dei cinema e` salita al 24% contro il 18% del 2013 (“RBK daily” del 9.07, pag.9); Armando Brancini, vicepresidente del fondo italiano “Altagamma”, ha fatto una previsione secondo la quale quest’ anno il mercato delle merci di lusso in Russia (per un fatturato totale del 2013, 5,8 miliardi di euro, e` il decimo al mondo e il quinto fra i paesi d’Europa) diminuira` – per la prima volta dal 2009 – del 4-6%. L’esperto italiano ha pronosticato inoltre che una ripresa del mercato comincera` solo a partire del 2017 (“Vedomosti” di oggi 11 luglio, pag.10). 
 
Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo 
 
*  Piu` di un anno fa Vladimir Putin ha chiesto di elaborare misure e provvedimenti, finalizzati a risolvere numerosi problemi legati alla notevole fuga di grandi risorse finanziarie verso i “paradisi fiscali”. Purtroppo, la situazione non e` cambiata: la “deoffshorizzazione” ancora non e` partita.
Anche durante la riunione di ieri con un gruppo di ministri e dirigenti del settore bancario, convocata dal Presidente, non e` stata presa nessuna decisione, soprattutto quella relativa alla tassazione supplementare dei proprietari di capitali esportati negli off-shore. I convenuti non sono riusciti a trovare un compromesso anche con i rappresentanti della comunita` imprenditoriale (“Nezavisimaja gazeta”, pag.1 e 4, e “Vedomosti”, pag.5, di oggi 11 luglio; consiglio inoltre “Vedomosti” del 10.07, pag.4- http://www.vedomosti.ru/newspaper/article/713291/zapad-deneg-nedaet, e un articolo “Il ritorno dell’offshore prodigo” nel mensile “Business magazine” № 7, pag.42-49; www.b-mag.ru).
 
*  Agli analisti del settore bancario saranno senz’altro utili: un commento sulle prescrizioni concordate dal Ministero delle Finanze e dalla Banca centrale per il capitale delle banche, che saranno ammesse a gestire le risorse finanziarie delle compagnie strategiche e statali (“Kommersant”; 11.07, pag.8); una rassegna del settimanale “Profil” (№ 26 del 7.07, pag.34-36) sulla dinamica del settore delle banche per l’investimento; un articolo di “Vedomosti” (10.07, pag.5), che tratta le cause del notevole calo dei prestiti esteri durante il primo semestre: 6,7 miliardi di USD, circa 4 volte di meno, rispetto al medesimo periodo dell’anno scorso, - e` il minimo registrato dopo il 2009.
 
*  Nell’edizione di ieri “RBK daily” (10.07, pag.6) ha riportato il “Profilo del cliente delle organizzazioni microfinanziarie operanti in Russia. L’anno scorso i tassi d’interesse sui microprestiti variavano dal 25,3% al 360-720% annuo. 
 
*  “Kommersant” (pag.2 e 7) e “RBK daily” (pag.2) del 10 luglio hanno ampiamente illustrato e commentato la formazione definitiva della Corte Suprema unita. Ora l’istituzione include maggiormente i giudici della precedente Corte nonche` i giudici del Tribunale Supremo d’arbitraggio, che pochi mesi fa e` stato soppresso. 
 
*  Infine richiamo l’attenzione degli esperti al Rating delle compagnie di perizia finanziaria (“Ekspert” № 28 del 7.07, pag.69-79) e un approfondito commento di “RBK daily” (7.07, pag.9; vedi inoltre “Kompanija” № 26, pag.10) alle principali modifiche apportate alla legge federale “Sulla pubblicita` in Russia”. 
 
 
 
Cari lettori, 
ringraziandovi per la costante attenzione prestataci durante gli ultimi 11 mesi, 
vi comunico che la redazione della “Rassegna” da lunedi` 14 luglio 
va in ferie. La prossima nostra “opera” sarà scritta e 
trasmessa a tutti voi che ci seguite, venerdi` 15 agosto. 
 
Con tutto l’affetto auguriamo a tutti BUONE VACANZE! 
 
 
 
A cura di Valerij Shvetsov 
e-mail: valerio.m@yandex.ru
 
Telefoni - cell: +7 (916) 531-04-45 
 www.confindustriarussia.it

 

AllegatoDimensione
RasStampa11.07.14.pdf174.16 KB